Volete rivivere antichi momenti conditi con gusto ed allegria?

Allora ispiratevi in questo ambiente rurale fatto di sapori e tradizioni: il vecchio casolare!

Potrete scegliere una delle 3 preparazioni tipiche umbre…oppure tutte e tre se vi sentite particolarmente ispirati!

La “Torta sul panaro”:

Il laboratorio durerà circa 2 ore e prevede un pranzo finale con torta, salsicce, erba cotta, un dolce, vino, acqua e caffè.

Muniti di “mattarello” e spianatoia imparerete a realizzare questo particolare pane che i contadini preparavano quasi quotidianamente in sostituzione della classica pagnotta.

La torta verrà cotta sotto la brace nel camino, rispettando in questo modo l’antica tradizione dei contadini locali.

Mi raccomando!

Seguite le istruzioni alla lettera…sennò che tradizione è?

Poi la torta verrà farcita come una volta: con salsicce cotte sulla gratella ed erba di campo cotta.

Non vi basta?

Eccovi accontentati:

Ci saranno anche le patate arrostite sotto la cenere!

Il “Torcolo”:

Il tipico “ciambellone” è ben voluto dalle nostre parti, ed è uno dei simboli della nostra tradizione.

Perché non imparate anche voi?

Non ve ne pentirete!

Il laboratorio dura in tutto 2 ore:

Dopo aver impastato i semplici ingredienti, la cottura avviene in un forno a legna sotto il portico del vecchio casolare (sì, sempre lui!).

Una volta cotto, non mangiatelo da solo!

Infatti sarà un piacere gustarlo con il vin santo affumicato che riposa da qualche anno nei caratelli nella piccola cantina adiacente.

La “Torta al formaggio di Pasqua”:

Innanzitutto, una doverosa precisazione per chi non è umbro:

Le immancabili torte al formaggio non si devono mangiare per forza solo a Pasqua, sarebbe un vero peccato!

Ora vi dico perché!

L’inconfondibile profumo di formaggio che viene dal forno del vecchio casolare (ancora lui, di nuovo!) vi delizierà per il resto della vostra vita.

Pronti?

Cominciamo!

Dopo aver preparato l’impasto, utilizzeremo gli antichi attrezzi da forno per sistemare il fuoco, pulire il piano e infornare le teglie.

Come vuole la tradizione, le torte saranno assaporate con i salumi della norcineria di Pietralunga, in particolar modo con il “capocollo”.

Il laboratorio terminerà con un pranzo in cui saranno servite le vostre torte (e finalmente potrete gustarle!) insieme a salame, prosciutto, capocollo, erba cotta, dolce, acqua, vino e caffè.

Durante la varie preparazioni, sarete allietati da curiosi aneddoti attorno alle regole che dettava la massaia riguardo il risparmio e la parsimonia nell’utilizzare gli ingredienti per preparare i pasti sia nei giorni quotidiani che festivi, in quello che era un regime di mezzadria che regnò almeno fino agli anni ’50 in questa parte dell’Umbria.

CONTATTACI

Per pianificare la tua giornata con questa Esperienza