Arte e cultura

Percorsi artistico-culturali si snodano dalla Galleria Nazionale di Perugia, che conserva la maggiore raccolta di opere dell’arte umbra ed alcune tra le più significative opere dell’arte dell’Italia centrale, dal XIII al XIX secolo (alcuni esempi sono il Perugino e il Pinturicchio), per poi passare alla Pinacoteca di Città di Castello.  Al suo interno si trovano importanti esempi di pittura rinascimentale e manierista, tra cui alcuni tra i primissimi lavori di Raffaello Sanzio  e Luca Signorelli.

Inoltre il museo civico di San Sepolcro con le opere pittoriche di Piero della Francesca, Andrea della Robbia e molto altro ancora.

L’arte contemporanea si manifesta con la Fondazione Burri.

Presso Palazzo Albizzini 130 opere esposte, comprese in un arco cronologico dal 1948 al 1989: sono Catrami, Muffe, Gobbi, Sacchi, Legni, Ferri, Combustioni, Cretti e Cellotex.

Inoltre presso gli Ex Seccatoi del Tabacco, nell’immediata periferia di Città di Castello, vi sono esposte 128 opere realizzate fra il 1974 e il 1993, principalmente su un unico materiale: il cellotex, una sorta di impasto di legno e sulla cui superficie l’artista interviene a volte scalfendo, incidendo o sollevandone la pellicola più esterna, altre volte dipingendolo.

ferro

Le tradizioni

  • Se siete curiosi di provare l’arte del ricamo, potrete prendere qualche lezione da Rosetta, punto croce, punto erba, intaglio, presso la sua Casa-Museo. Successivo break con i suoi “tozzetti” e il suo fantastico vinsanto.
  • Nella bottega del fabbro potrete usare il martello e l’incudine del maestro e con i suoi insegnamenti potrete realizzare un piccolo oggetto da riportare a casa come ricordo.
  • Il Museo delle tradizioni popolari è una tipica casa colonica dove sono ricostruiti tutti gli ambienti del vivere quotidiano ed è un’esemplare raccolta di oggetti legati alla tradizione contadina: mobili, attrezzature e documentazioni delle lavorazioni artigianali.
CONTATTACI

Per pianificare la tua giornata con questa Esperienza