Vuoi VIVERE un contatto profondo con la natura e conoscere il suo aspetto più vero ?

Monti…

Valli…

Boschi…

Panorami…

Vette…

Notte in tenda…

Ecco un’occasione perfetta !

Dove andrai:

La Vetta del Monte Catria

 

Programma

PRIMO GIORNO

Dalla Cima di San Benedetto Vecchio (600m) si sale dolcemente attraverso le Foreste Demaniali di Bocca Serriola e Pietralunga. Su comoda strada tra boschi di cerro e roverella, di ornielli e carpini, si raggiunge Passo del Cardinale (803m). Qui ci si apre una splendida vista sulla dorsale appenninica e sul nostro obiettivo di giornata: la Serra di Burano. Sosta pranzo alle ore 13.30 ca.. Riprenderemo il nostro saliscendi tra le colline e le valli e le coste erose delle “genghe”. In un territorio davvero poco abitato, la strada ci porterà a lambire alcune fattorie. Scendendo, si intravederà il campanile della chiesa di San Pietro in Salia, con le campane tra le più antiche d’Italia, davanti al quale arriveremo poco più tardi. Il continuo saliscendi ci porterà ai piedi della Serra. Non ci resterà che salire l’erta finale, tra sentieri nascosti e strada forestale, che ci condurrà verso Il Barco (1000m).

Arrivo previsto per le ore 16.00 ca.. Sistemazione in accampamento già allestito sul magnifico balcone naturale della Serra di Burano, cena con prodotti locali e pernotto in tenda.

SECONDO GIORNO

Dopo la colazione a Il Barco, si comincia la giornata camminando sull’ampia cresta della Serra. Dai 1000 m di Pian della Serra ammireremo la dorsale appenninica, in particolare il Catria, la nostra meta da cui ci separano ancora due giorni di cammino.

Inizieremo poi, addentrandoci nel bosco, a scendere e scenderemo praticamente tutto il giorno, fino ai 400m circa della Via Flaminia.

Attraverseremo innanzitutto un ambiente protetto e dalla Natura potente: il Bosco di Tecchie, riserva naturale composta prevalentemente da una faggeta e da un cerreta. Proprio la faggeta, con alberi di grandi dimensioni, cuscini di muschio e tanti rigagnoli d’acqua, costituisce un ambiente molto suggestivo dove si rinnova il ciclo completo della Vita. Arrivati a Ca’Balbiano (519m) faremo sosta pranzo intorno alle ore 13.00. Riprenderemo il cammino sempre scendendo la piccola valle del torrente Balbiano fino alla chiesa di San Crescentino (410m). Aggirando per sentieri il Monte Cospio e la Via Flaminia, arriveremo a Cantiano (360 m), paese alle falde dell’antico circo glaciale del Monte Tenetra. Da li per il Sentiero Italia e il Sentiero del Birrificio raggiungeremo il meritato riposo nelle belle strutture del Birrificio del Catria.

Arrivo previsto per le ore 17.00 ca.. Pernotto in agriturismo e cena con prodotti locali e birra artigianale.

TERZO GIORNO

Ci attende una giornata di cammino tutto in salita. É il giorno della vetta, che dalla partenza abbiamo visto più volte. Dal Birrificio del Catria attraverso il SI saliremo prima verso Fonte Luca (913m) e poi a Bocca del Valle (1159). Passati sotto la piramide del Monte Acuto ci dirigeremo attraverso un lungo traverso, tra la faggeta e prati, che ci condurrà alla bella Fonte del Faggio (1286m), da dove la vetta comincia ad apparirci veramente vicina anche se con ancora 400 m di dislivello da affrontare. Raggiunta la Sella dell’Infilatoio piegheremo a destra per l’erta finale che ci condurrà ai 1702m della grande Croce del Catria, il punto più alto di questo tratto d’Appennino. Pausa pranzo.

Ridiscesi verso la Madonna degli Scout (1370 m) si concluderà il nostro percorso a piedi. Da qui con navetta fino a Pietralunga per recupero macchine previsto per le ore 15.00 ca..

Informazioni tecniche

  • Accompagnatori: 1 Guida Ambientale Escursionistica associata AIGAE e assistenza logistica Glocalguides durante tutto il trekking.
  • Dati tecnici complessivi: Lunghezza 45 km, difficoltà secondo la scala CAI E,                                         Dislivello + 2500 m – 2000 m.
  • Tenda da 1,2 e 3 posti.

Cosa portare

Per l’attività escursionistica: Scarponi da Trekking (preferibili alti). Maglia traspirante, zaino da escursione giornaliera con: borraccia almeno 1 litro, un piccolo asciugamano, gel e mascherina, un termico (pile), un antivento, un antipioggia (questi ultimi due possono anche essere un unico indumento) una maglia di ricambio per le persone che sudano molto, cappello ed occhiali da sole, eventuale crema solare protettiva, snack rompidigiuno o frutta secca, eventuali integratori se ne fate uso, torcia frontale.

Per le soste: In un borsone (non valigie rigide o trolley) scarpe da “riposo”, maglie traspiranti necessarie per l’intero trekking (forse ci sarà il tempo per lavarle ma non sempre), pantaloni di ricambio, intimo per i giorni necessari, indumenti personali per la notte, sacco a pelo ed eventualmente stuoino e cuscino gonfiabile per la notte in tenda, batterie di ricambio per la torcia, caricabatterie per cellulare ed eventualmente per la macchina fotografica, necessario per lavarsi e salviettine umidificate per la notte in tenda e/o per altre necessità, un costume ed un asciugamano (da evitare i teli mare di spugna troppo ingombranti) ciabatte.

Pranzo al sacco per il primo giorno.

CONTATTACI PER RICHIEDERE UN PREVENTIVO

Il pacchetto comprende:

  • 1 pernottamento in tenda GlocalGuides e colazione;
  • 1 cena all’accampamento con bevande incluse: acqua e vino;
  • 1 soggiorno in agriturismo con trattamento di mezza pensione, incluse bevande: acqua + 1 pinta di birra;
  • 2 pranzi al sacco;
  • Guida escursionistica;
  • Assistente per accampamento;
  • Noleggio tenda;
  • Trasporto bagagli;
  • Transfer per recupero macchine.
CONTATTACI

Per pianificare la tua giornata con questa Esperienza